Archivi tag: max loreau

Post-Kult, 2

Londra, settembre 1940, Biblioteca di Holland Park

Continua a leggere Post-Kult, 2

Annunci

Before the flood, 8

Immagine di Michele Guyot Bourg

 

 

Max Loreau

      (Anarchia d’alba)

      Anarchia d’alba,
      voce delle sottili dolcezze
      imprevidente
      dischiusa,
      rosa del mattino dalle dita leggere
      colme di dattili latini
      sparsi prima dell’enfasi nel cielo,
      voce d’etere
      d’alcol
      brume.

      Anarchia d’alba
      senza numero
      eppure bella
      come mistica atrocità
      che devasta ogni proporzione.

      Qualcosa di più del numero
      si è accaparrato la luce,
      il largo
      che rende più largo,
      agitando la profondità come risacca
      che si estenda
      alle più nervose, irritabili estremità
      dell’essere.

(Traduzione di Adriano Marchetti)

(continua a leggere qui)

Max Loreau: Vue d’intérieur

Max Loreau, Vue d'intérieur

Max Loreau

“Vue d’intérieur”
Ed. Carte Blanche, 2005

Traduzione di
Stefania Roncari

 

Qualcuno s’intrufola, come allo sbucare della notte.

Passa con ostinazione così lento, molto sveglio, il visitatore del giorno pallido, della polvere, il paziente migratore della carne intima, tanto insospettata quanto inesistente. Passa e ripassa o forse sono le cose così lente dell’amnesia quasi istantaneamente distratte? Dappertutto il sonno impetuoso s’insinua nel cuore delle cose, schiave della lucidità prigioniera.

Qualcuno s’intrufola dentro, sfiora inamovibile, ci riprova duemila volte.

Sfiora con tutta la sua vista sottile, così neutra da sembrare in procinto di trattenere a piacere l’occhio cattivo, l’attacco, la rudezza, il carico. Si nutre di colpi insistentemente differiti, di morsi conservati per tempi favorevoli. Si eterna aperto nell’istante interminabile – trasparenza diventata forza impassibile, luce chiusa assente come il suo recinto, vasto sgretolamento, dove passa e ripassa, leggero come un’ombra dentro l’abbaglio tranquillo, che fa pensare alla grana di una pellicola sensibile.

Luce rasa e fragile, inesistente; rimugina l’a-dimensionale.

Continua a leggere Max Loreau: Vue d’intérieur

L’Épreuve / La Prova

Max Loreau
Adriano Marchetti

Max Loreau, L’Épreuve / La Prova
Prefazione e traduzione di Adriano Marchetti
Con testo a fronte e acqueforti di Giampiero Guerri
Rimini, Panozzo Editore, 2010
(Ed. orig., L’Épreuve, Montpellier, Fata Morgana, 1989)

Continua a leggere L’Épreuve / La Prova

Max LOREAU tradotto da Adriano MARCHETTI


(Jean Dubuffet, Lunaison claire, 1954)

Dans l’Éclat du Moment
(Nell’erompere del momento)

VII

J’allais ce matin-là
épris de très vaste et de mer fuyante,
songeant, sans le savoir, au sol,
à ses distances de jour en jour si courtes,
à ses galleries ensevelies
s’enforçant vers les regions basses d’avant-éclore
où les ombres de presumption, revenants,
se mêlent à l’ombre,
Continua a leggere Max LOREAU tradotto da Adriano MARCHETTI