Archivi tag: miles davis

Scritto 40

Irma Blank: Orizzonte, 2005 (penna a sfera su poliestere).

Scrive Bill Evans proprio all’inizio delle sue note di copertina a Kind of blue: There is a Japanese visual art in which the artist is forced to be spontaneous. He must paint on a thin stretched parchment with a special brush and black water paint in such a way that an unnatural or interrupted stroke will destroy the line or break through the parchment. Erasures or changes are impossible. These artists must practice a particular discipline, that of allowing the idea to express itself in communication with their hands in such a direct way that deliberation cannot interfere. Il grandissimo pianista si riferisce, ovviamente, al sumi-e: spiega così lo stato di grazia nel quale il gruppo ha improvvisato su poche, sintetiche tracce fornite da Miles Davis (e pensate poche ore prima dell’incisione) le parti che costituiscono Kind of blue, sottolineando (non a torto) quanto la riuscita improvvisazione sia ancora più ardua allorché è un gruppo e non un singolo artista ad agire. Sono almeno due gli elementi fondanti dell’improvvisazione stessa: l’estrema concentrazione mentale necessaria e la stratificazione di pensiero e di conoscenze che deve precedere e sostenere concentrazione e improvvisazione. Molto a proposito Bill Evans scrive che the artist is forced to be spontaneous, esprimendo tramite un bell’ossimoro il paradosso del gesto che improvvisa: l’artista è obbligato a essere spontaneo, in un connubio delicatissimo e fragilissimo tra gesto creatore e sapienza creatrice: basta un’incertezza, una distrazione, un errore di postura e tutto fallisce. Questo è il motivo per cui la ferrea padronanza del mezzo espressivo, il pressoché ascetico, quotidiano esercizio dell’arte, l’estrema libertà che sola può derivare da un imperativo interiore, da uno spazio limitatissimo, da materiali di laconica essenzialità, concorrono a generare un atto capace di cogliere l’estremamente transeunte e l’eternante traccia (per tutto il brevissimo tempo, almeno, di durata della storia umana).

Bitches brew


(Cliccando sull’immagine si può ascoltare “Sanctuary”)

Mezzo secolo fa Miles Davis pubblicava Bitches brew, un’opera collettiva, senza tempo, che spazzava via per sempre i confini e le barriere tra i generi musicali. Il messaggio era chiaro allora e lo è ancora di più oggi, non solo per quello che riguarda la musica e l’arte in generale: le radici del futuro, dell’unico futuro ancora possibile, sono in Africa.

Breve saggio sulle mani (dedicato a Miles Davis)

Irving Penn fotografa Miles Davis nel 1986 per l’apparato iconografico dell’album Tutu: il fotografo vede sia la scultorea bellezza che la forza espressiva della mente musicale che si concentra nel volto e nelle mani.
Spiritualità delle mani, le prime facitrici.
Il pregiudizio platonico e poi cristiano che tende a separare lo “spirito” dal “corpo” commette un’ingiustizia d’incalcolabile portata nei confronti di quest’ultimo ogni volta che tende a privilegiare il primo sul secondo o ad affermarne in maniera più o meno esplicita la supremazia o la maggiore “nobiltà”.
E invece, a osservare queste fotografie, si riceve netta l’impressione che mente e corpo, pensiero creatore e mano facitrice siano tutt’uno.

Continua a leggere Breve saggio sulle mani (dedicato a Miles Davis)