Archivi tag: prosimetro

MG: la gente non sa cosa si perde

giovenalePREMESSA:

Quelle che Marco Giovenale compie in La gente non sa cosa si perde (Tic Edizioni, Roma 2021) sembrano campionature di frammenti del parlato e assemblaggi di materiale linguistico eterogeneo, una sorta di reperti dal nostro tempo; sono, in realtà, (e come sempre nell’opera di Giovenale) calibratissimi testi nei quali scorgo, contemporaneamente, ironia e pietas.

L’ironia (unita a un’agguerritissima lucidità) è lo strumento principale capace di cogliere, nel linguaggio e traverso il linguaggio, contraddizioni e aberrazioni del reale: la pietas (di totale impronta laica e antimetafisica, ovviamente!) si esercita, sempre tramite la scrittura, nei confronti dei minuti (anche questo libro potrebbe essere in parte considerato un nuovo capitolo della storia dei minuti) le cui ombre e nomi (i quali, però, non scalfiscono minimamente… l’anonimato che sembra caratterizzare le vite nella nostra contemporaneità) appaiono in taluni dei testi per dar vita a un racconto collettivo di solitudini, frustrazioni, alienazioni, reificazione delle persone e delle professioni, dei rapporti interpersonali e delle memorie individuali.

Continua a leggere MG: la gente non sa cosa si perde