Archivi tag: scultura

Zzarrisciata

Chiedo al mio fraterno amico Pasquale Fracasso di mandarmi alcune foto di suoi lavori; mi risponde così:

Carissimo Antonio,

non so se proprio valga la pena far vedere questi frammenti d’immagini, ma non posso fare a meno, talvolta, di riprenderli in considerazione, spesso senza rendermene conto e talvolta provo addirittura un senso di colpa per una certa mia distrazione rispetto a essi. C’è tutto un deposito originario legato ancora al mondo contadino che continua a determinarmi, anche se: ” …non ho vanga per seguire uomini come loro”.

Al contrario penso che ne valga la pena e mi prendo anche la libertà di frammentare il prosieguo del messaggio a commento e a introduzione di alcune delle immagini che Pasquale mi fa avere:

Continua a leggere Zzarrisciata

Annunci

Breve saggio sull’arte di Edoardo Tresoldi

Fare materializzare immagini mentali usando reti metalliche: le figure umane, le costruzioni architettoniche che si danno a vedere posseggono l’aerea trasparenza di una visione, l’impalpabile presenza di un pensiero.

Un’immagine della mente che si profili nel paesaggio incanta lo sguardo, stabilisce un ininterrotto flusso di sentimenti e di pensieri tra il “fuori” e il “dentro” della mente.

Continua a leggere Breve saggio sull’arte di Edoardo Tresoldi

Breve saggio sulle macchine di Jean Tinguely

Una macchina di Jean Tinguely è un TESTO del quale vengono evidenziati i meccanismi (le parti interconnesse tra di loro) e i movimenti (le interrelazioni che animano il testo), ogni sua parte è accenno a testi fuori dal testo, ma con esso in relazione (per esempio una catena rimanda alla bicicletta dalla quale proviene, una ruota al suo trattore e via enumerando), così che l’idea tradizionale di TESSITURA si trasla in quella di MONTAGGIO, le parti meccaniche smontate dalle loro posizioni e funzioni originarie assumono nuovi significati e nuovi ruoli, anche ironici e giocosi, ma che, esattamente come il testo letterario, vanno a formare una macchina inutilizzabile per produrre o per muoversi o per spostare merci: si tratta di una “macchina” da un lato fine a sé stessa (ironicamente e programmaticamente inutile), dall’altro capace di provocare riflessioni e che invita a manipolarla, a entrarci dentro, a esplorarne spazi e anfratti solitamente celati alla vista e al tatto.

Continua a leggere Breve saggio sulle macchine di Jean Tinguely