Archivi tag: stefanie golisch

L’oggettività del linguaggio poetico

Disapprovo il segreto
di rimanere solo: non era
quanto sognato che un canto
cauto taciuto che vedo dileguare
in trasparenza.

O una bella giornata
è una sollecitudine sognata
tutto l’anno.

Continua a leggere L’oggettività del linguaggio poetico

Maldestro vivere (2)

Stefanie Golisch

Epitaffio

Tratto da
L’affresco del maldestro vivere
(inedito, 2019),
di prossima pubblicazione in
“Quaderni di RebStein”.

Ci siamo accorti dell’altro appena in tempo, distratti
dal vivere come si dice si deve, tu mi hai svelato il
tuo segreto di donna e io ho affidato a te la fiaba
degli inizi, in fondo all’inverno ci saremmo trovati
per non perderci più secondo l’oracolo, ma tu hai
atteso altrove e io non sapevo le ore mentre cercavo
invano di rievocare la tua, la mia nudità, ci siamo
mancati per poco e poi abbiamo dimenticato quella
cosa che avrebbe dovuto succedere ma che non è
successa e che ora voglio chiamare amore perché
sia per noi parola senza pietà

Vite a piè di pagina

Stefanie Golisch

In un incendio di una scuola sono morti venti bambini piccoli che non sono riusciti a mettersi in salvo quando il fuoco, di origine ignota, in breve tempo ha bruciato un insieme di capanne di paglia: la scuola del villaggio o della città.

Più lontana la tragedia o disgrazia, più vaga l’informazione sulle circostanze precise.

In questo caso, viene dato soltanto il nome del paese, il Niger, un paese dell’Africa centrale di cui non si parla mai e di cui non si sa nulla.

Continua a leggere Vite a piè di pagina

Jetzt / Ora

Ernst Meister

…………….Senza perché

Non so se la poesia di Ernst Meister vuole veramente comunicare, arrivare al lettore, al mondo o essere soltanto, senza destinatario preciso, senza perché.
Per via della sua discrezione, il suo essere sfuggente, mi ricorda i quadri di Giorgio Morandi: la stessa aura di intoccabilità. Non avvicinatevi troppo: esplorate il mio mondo piuttosto sulla punta del piede. Ciò che succede in questo incontro leggero, danzante, è difficilmente traducibile in un linguaggio analitico che non si ferma mai e che mira sempre a qualcos’altro: conseguenze, risultati, dibattiti, ragioni. Penso che non sono quelle le categorie di Ernst Meister, che invece di dividere il mondo in vincitori e vinti, invita il lettore a fare un passo indietro, a guardare semplicemente come il pensiero, con l’aiuto delle parole minime, crea una nuova realtà sul foglio di carta Continua a leggere Jetzt / Ora

Passo d’addio

Cristina Campo

Ora non resta che vegliare sola
col salmista, coi vecchi di Colono;
il mento in mano alla tavola nuda
vegliare sola: come da bambina
col califfo e il visir per le vie di Bassora.

Non resta che protendere la mano
tutta quanta la notte; e divezzare
l’attesa dalla sua consolazione,
seno antico che non ha più latte.

Vivere finalmente quelle vie
– dedalo di falò, spezie, sospiri
da manti di smeraldo ventilato –
col mendicante livido, acquattato

tra gli orli di una ferita.

Continua a leggere Passo d’addio

La Biblioteca di RebStein (LXXXI)

La Biblioteca di RebStein
LXXXI. Gennaio 2021

etretatlibraryyq7

(a cura di Stefanie Golisch)

______________________________
Lettere di Cristina Campo a Alejandra Pizarnik
______________________________

Tentata vicinanza

Presentiamo la Postfazione di Stefanie Golisch al volume, da lei stessa curato e tradotto, che raccoglie le lettere scritte da Cristina Campo a Alejandra Pizarnik in un arco di tempo che copre gli anni dal 1963 al 1970. L’opera sarà pubblicata integralmente nella “Biblioteca di RebStein”. Buona lettura. (fm)

Continua a leggere Tentata vicinanza