Water Melody 4 / Bevendo il vino 5-10

poesia cinese antica tradotta da Antonio (Cosimo) De Biasio


餘閒居寡歡,兼比夜已長,偶有名酒,無夕不飲。顧影獨盡,忽焉複醉。既醉之後,輒題數句自娛。紙墨遂多,辭無詮次。聊命故人書之,以為歡笑爾。

Passando il mio tempo ritirato, ho pochi svaghi, e le notti diventano sempre più lunghe. Per caso ho un vino famoso, e non c’è notte che non ne beva e che, da solo, guardando la mia ombra, non vada oltre il limite. E d’un tratto sono di nuovo brillo. Una volta, dopo essermi ubriacato, ho scritto numerosi versi per mio piacere, e i fogli coperti d’inchiostro si sono moltiplicati. Le parole non avevano un ordine logico, ma ho chiesto a un vecchio amico di buttarle giù meglio, così da farci una risata.

陶淵明 Tao Yuanming (365-427, Sei Dinastie)


Bevendo il vino (VI)

Fermarsi e andare han milioni di modi,
Chi sa qual è sbagliato e qual è giusto?
Giusto e sbagliato sono indifferenti,
Risuonano uguali fama e disprezzo.
Per tre dinastie è stato così,
Ma i bravi scolari erano diversi.
Stupiti dall’ignoranza del volgo,
Prendevano ad esempio Huang e Qi.

Xia(huang) e Qi(Liji), erano due dei Quattro Saggi
del Monte Shang alla fine del terzo secolo a.C.

飲酒 (其六)

行止千萬端,
誰知非與是。
是非苟相形,
雷同共譽毀。
三季多此事,
達士似不爾。
咄咄俗中愚,
且當從黃綺。

yǐn jiǔ qí liù

xíng zhĭ // qiān wàn duān
shuí zhī // féi yŭ shì
shì fēi // gǒu xiāng xíng
léi tóng // gong yù huĭ
sān jì // duō cĭ shì
duō duō // sú zhōng yú
qiĕ dāng // cóng huáng qĭ

*

Bevendo il vino (VII)

Autunno, i crisantemi han bei colori,
Li bagna la rugiada e io colgo i fiori.
Così sto a galla e scordo le tristezze,
E allontano le emozioni del mondo.
Se anche svuoto una brocca da solo,
La tazza esausta la riempio di nuovo.
Il sole arriva e tutti i moti cessano,
Torna ogni uccello e la foresta trilla.
Fischietto sotto la grondaia a est,
E pian piano mi riprendo la vita.

Fischietto sotto la grondaia a est: I taoisti (e tale è il poeta)
davano sempre il benvenuto al sole del mattino che nasce da est

飲酒 (其四)

秋菊有佳色,
裛露掇其英。
泛此忘憂物,
遠我遺世情。
一觴雖獨盡,
杯盡壺自傾。
日入群動息,
歸鳥趨林鳴。
嘯傲東軒下,
聊 得 此 生。

yǐn jiǔ qí sì

qiū jú // yǒu jiā sè
yì lù // duō qí yīng
fàn cǐ // wàng yōu wù
yuǎn wǒ // yí shì qíng
yī shāng // suī dú jǐn
bēi jǐn // hú zì qīng
rì rù // qún dòng xī
guī niǎo // qū lín míng
xiào ào // dōng xuān xià
liáo fù // dé cǐ shēng

*

Bevendo il vino (VIII)

C’è un pino verde nel giardino a est,
Molte erbe ne nascondono l’aspetto.
Ma una gran brinata le uccide tutte,
E se ne può vedere le alte fronde.
Nel fitto bosco l’uomo non distingue,
Ma un albero isolato ci sorprende.
Levo alta la bottiglia ai rami freddi,
Scruto lontano e lo faccio di nuovo.
La mia vita è l’illusione di un sogno,
Perché imbrigliarla in una impura polvere?

飲酒 (其八)

青松在東園,
眾草沒其姿。
凝霜殄異類,
卓然見高枝。
連林人不覺,
獨樹眾乃奇。
提壺撫寒柯,
遠望時 為。
吾生夢幻間,
何事絏塵羈。

yǐn jiǔ qí bā

qīng sōng // zài dōng yuán
zhòng cǎo // méi qí zī
níng shuāng // tiǎn yì lèi
zhuō rán // jiàn gāo zhī
lián lín // rén bù jué
dú shù // zhòng nǎi qí
tí hú // fǔ hán kē
yuǎn wàng // shí fù wèi
wú shēng // mèng huàn jiān
hé shì // xiè chén jī

*

Bevendo il vino (IX)

All’alba sento bussare alla porta,
Mi infilo un vestito e vado ad aprire.
Giunto alla soglia domando: “Chi è”?
È un vecchio contadino di buon cuore
Che con del vino viene a salutarmi.
Sospettando che io sia fuori dal tempo:
“Abiti di stracci e un tetto di paglia
Non bastano a fare adatto un tugurio:
Tutti al mondo la pensano così.
Ti dovresti crogiolare nel fango!”
“Sono commosso dalle tue parole,
Ma dentro di me non sono d’accordo.
Si deve, infatti, tirare le redini,
Ma violare me stesso non mi incanta!
Godiamoci insieme questa bevuta,
Il mio carro non può tornare indietro!”

飲酒 (其九)

清晨聞叩門,
倒裳往自開。
問子為誰歟,
田父有好懷。
壺漿遠見候,
疑我與時乖:
襤縷茅簷下,
未足為高棲。
一世皆尚同,
願君汩 其泥。
深感父老言,
稟氣寡所諧。
紆轡誠可學,
違己詎非迷!
且共歡此飲,
吾駕不可回。

yǐn jiǔ qí jiŭ

qīng chén // wén kòu mén
dào shang // wǎng zì kāi
wèn zi // wèi shuí yǔ
tián fù // yǒu hǎo huái
hú jiāng // yuǎn jiàn hòu
yí wǒ // yǔ shí guāi
lǚ lán // máo yán xià
wèi zú // wèi gāo qī
yī shì // jiē shàng tóng
yuàn jūn // gǔ qí ní
shēn gǎn // fù lǎo yán
bǐng qì // guǎ suǒ xié
yū pèi // chéng kě xué
wéi jǐ // jù fēi mí
qiě gòng // huān cǐ yǐn
wú jià // bù kě huí

*

Bevendo il vino (X)

In passato ho fatto un viaggio lontano,
Fino alla costa del Mare Orientale.
La strada era lunga, andava distante,
Vento e onde frenavano il cammino.
Ma a un tale viaggio chi mi aveva spinto?
Sembrava fossi spinto dalla fame.
Ho mangiato finché non fossi pieno
Quando un poco era più che sufficiente.
Ho temuto non fosse un grande piano:
Fermato il carro, son tornato a casa.

飲酒 (其十)

在昔曾遠遊,
直至東海隅。
道路迥且長,
風波阻中途。
此行誰使然?
似為飢所驅。
傾身營一飽,
少許便有餘。
恐此非名計,
息駕歸閒居。

yǐn jiǔ qí shí

zài xī // céng yuǎn yóu
zhí zhì // dōng hǎi yú
dào lù // jiǒng qiě zhǎng
fēng bō // zǔ zhōng tú
cǐ xíng // shuí shǐ rán
shì wèi // jī suǒ qū
qīng shēn // yíng yī bǎo
shǎo xǔ // biàn yǒu yú
kǒng cǐ // fēi míng jì
xī jià // guī xián jū


Antonio (Cosimo) De Biasio (1955). Vive a Cordenons, Friuli Venezia Giulia. Scrive poesia in italiano (“Quasi alla deriva”, Viennepierre, 2005), in friulano, nella varietà di Montereale Valcellina (“Claps contro la not”, 1998; “Poesìis fatis de corso”, 2003). Ha fatto ricerche storiche (“Odorico da Pordenone in Cina”, 2013). Si è laureato in lingua e letteratura cinese a Ca’ Foscari (Venezia) nel 1982. Ha guidato annualmente dal 1987 gruppi di turisti in Cina. Ama la poesia classica cinese (da quando conobbe Ezra Pound nel 1970), e si diletta di quando in quando a renderla in metrica italiana. Scrive tanto, ma non ha alcuna impellenza a pubblicare.

Immagine: Hommage à Claude Monet, février-juin 91 by Zao Wou-Ki

1 commento su “Water Melody 4 / Bevendo il vino 5-10”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.