Scritto 20

Eduardo Chillida: Gravitación. Elogio del agua, 1987.

Carla Accardi : coni : non importa se in ceramica o in sicofoil : mi si materializza innanzi il sogno (e il desiderio) di un testo non vergato su di una superficie orizzontale e rettangolare (al limite quadrata) e unidimensionale (tendenzialmente bianca), ma di un testo (asemico, in sovrappiù, liberato dalla tirannia spesso patriarcale e maschilista – fascista, insomma – del significato, ritmato in segni e colori e spazi-tra-i-segni) emancipato anche dal suo stesso apparire, in questo preciso momento, su di uno schermo in scorrimento dall’alto verso il basso : i coni di Carla Accardi : il cono nobilissima figura geometrica, generatrice, per intersezione di piani, dell’ellisse, dell’iperbole e della parabola, memoria della grande geometria ellenistica : testi da leggersi girando intorno al cono, passando tra i coni disposti sul pavimento : leggere? – sì, leggere nel suo senso etimologico di raccogliere con lo sguardo guidato da tutto il corpo in movimento i ritmi dei segni sopra le superfici : spostarsi tra i colori e tra le direzioni indicate dalle curvature dei segni : e quei coni che sembrano posare appena, leggerissimi e volatili, sul pavimento : richiamano forse i copricapi conici degli aruspici etruschi? : o quelli semiconici dei dervisci roteanti? : forse raccolgono in sé linee di congiunzione e di convergenza da invisibili ipogei verso l’apice che indica il cielo : testi (cioè tessiture di segni) campiti da colori squillanti di vita (di pensiero) : segni a tessersi non arcani, ma gentilmente vivaci e mobilissimi : una mano bambina in un quaderno, folate di vento sulla sabbia, sgorbie maneggiate sull’argilla fresca, pennelli intrisi di vernice o di tempera possono tracciare liberi segni (liberàti segni) su inclinat(issim)e pareti di colore : i coni di Carla Accardi, allusioni al tronco dell’albero, all’orografia collinare e montana, all’assottigliarsi della torre che, librandosi verso l’alto, si riduce fino ad annullarsi nel suo vertice puntuto come uno sguardo che scruti le stelle : sono forse le bottiglie di Morandi ricondotte a una sola forma riassuntiva e segnate dall’alfabeto illegibile ma perspicuo della mano che traccia segni e della mente che li libera? : sono i coni di sale dello Stagnone di Marsala, delle saline di Trapani? : Carla Accardi : coni : acute ascensioni dalla base circolare all’apice puntuta antenna.

1 commento su “Scritto 20”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.