Archivi categoria: scritture

Scritto 21

Eduardo Chillida: Gravitación. Elogio del agua, 1987.

Carla Accardi : tende : il testo che si fa, addirittura, casa : casa nomade e luminosa : segni sulle sue pareti leggere eppure protettive (dormire tra i segni, svegliarsi e guardarli, compiere le abluzioni mattutine, fare colazione, vedersi riflesse sulle mani e sugli abiti le forme di quei segni che il sole, provenendo dall’esterno, proietta).
Tende di Carla Accardi : il testo generoso di segni che invita a entrare, che circonda e accoglie, che invita a dimorare (etimologicamente: tardare, indugiare, attendere).

Luciano Fabro: habitat : linee pulitissime : rendere visibili le direzioni del guardare e del pensare : stare nel rigore della linea di sottilissimo acciaio che per geometrie d’intersezioni e di appena percettibili vibrazioni scrive (o de-scrive) poemi d’uno spazio ritmato da velature che lasciano filtrare la luce.

Ritmi dello svanire

Antonio Devicienti

La coppia dei paraventi che costituiscono l’opera Shōrin-zu byōbu di Hasegawa Tōhaku non è una rappresentazione o, peggio, una raffigurazione di un bosco di pini avvolto dalla nebbia e dalla pioggia, ma una scrittura ritmata di pieni e di vuoti, di visibile e di non visibile, di presenze e di assenze consegnata a un uso apparentemente prosaico (decorare un paravento): il bosco di pini ritma, invece, gli spazi della casa e chiama l’occhio (presenza della mente aperta sul mondo) a soffermarsi sull’apparire e sullo scomparire, sull’illusorio e sul transeunte. Chiama la mente a pensarsi illusoria e transeunte. […]

(Continua a leggere su Antinomie)

Foucault e il grammatico fantastico

Giuseppe Zuccarino

Una fotografia raffigura Jean-Pierre Brisset mentre, il 13 aprile 1913, stando di fronte al basamento della celebre statua di Rodin Le penseur (allora situata di fronte al Panthéon, a Parigi), si rivolge alla folla. L’occasione è data del fatto che, pochi giorni prima, un gruppo di scrittori burloni (tra cui Jules Romains, Georges Duhamel e Max Jacob) ha avuto l’idea di conferirgli il titolo di Principe dei Pensatori, organizzando festeggiamenti in suo onore. Brisset, però, non ha colto l’intento scherzoso dei promotori dell’iniziativa. Nella foto, ci appare come un piccolo uomo anziano, dalla barba bianca, che indossa un paltò e ha un cappello a cilindro sul capo. Gli astanti lo osservano incuriositi e, a giudicare dall’espressione di alcuni di essi, con divertito stupore. Ne hanno motivo, visto il carattere alquanto bizzarro delle idee esposte da questo singolare linguista autodidatta. […]

(Continua a leggere su Philosophy Kitchen)

Scritto 20

Eduardo Chillida: Gravitación. Elogio del agua, 1987.

Carla Accardi : coni : non importa se in ceramica o in sicofoil : mi si materializza innanzi il sogno (e il desiderio) di un testo non vergato su di una superficie orizzontale e rettangolare (al limite quadrata) e unidimensionale (tendenzialmente bianca), ma di un testo (asemico, in sovrappiù, liberato dalla tirannia spesso patriarcale e maschilista – fascista, insomma – del significato, ritmato in segni e colori e spazi-tra-i-segni) emancipato anche dal suo stesso apparire, in questo preciso momento, su di uno schermo in scorrimento dall’alto verso il basso : i coni di Carla Accardi : il cono nobilissima figura geometrica, generatrice, per intersezione di piani, dell’ellisse, dell’iperbole e della parabola, memoria della grande geometria ellenistica : testi da leggersi girando intorno al cono, passando tra i coni disposti sul pavimento : leggere? – Continua a leggere Scritto 20

Lungo la linea

Antonio Pibiri

Lungo la linea

La stazione centrale dà fondo
per lasciarsi lontano in partenze.
La tua angoscia è terribile, Rodha.
La bicicletta con cigolii blu
a spruzzi di vernice. – Hauptbahnhof,
scheletro veloce su zampe,
e prospettico cavi, rotaie,
potrebbe coprire intero il pianeta,
trattenere sotto le reti la geodinamica.
In realtà da qui nessuno parte, nessuno resta.
Come fate a vivere città operaie,
ai tragitti? D’infuso rientro penetra i sobborghi
a sera, i bambini con occhi profondi. Continua a leggere Lungo la linea

Selezione da “L’Impero che si tace” di Ilaria Seclì

Avevo chiesto a Ilaria Seclì alcuni testi tratti dalla sua opera più recente L’Impero che si tace (Giuliano Ladolfi Editore); ecco la sua scelta – un grazie a Ilaria da parte della Dimora del Tempo sospeso che ha già avuto la gioia di ospitare la sua scrittura.

Continua a leggere Selezione da “L’Impero che si tace” di Ilaria Seclì

Scritto 19

Eduardo Chillida: Gravitación. Elogio del agua, 1987.

C’è l’ossessione del proprio nome, la persecutoria ossessione di voler vedere il proprio nome ripetersi eco della propria eco.
Trionfa la tirannia dell’io, il trascinante impulso a dire, ribadire, riaffermare: io ne avevo già scritto, io ne ho già parlato.
Dilaga il non saper scomparire, non saper eclissarsi dietro l’indubitabile bellezza di un testo altrui.
S’impone il non saper essere, semplicemente, umile lettore di chi, molto meglio, ha saputo invece scrivere e dire.

Occorre apprendere, al contrario, in rigorosa umiltà, l’industrioso silenzio del chiosatore, del copista, dell’amanuense che non firmava le sue glosse, le sue copie.
Nella ciarla pornografica che impera e soverchia voler ritrarsi – e continuare a studiare.
Silenzio raggiunto nell’esercizio della parola che non sia chiacchiera, ma ferita, ma spalancato abisso opposto al levigato maquillage di questo tempo (troppo di frequente) senza pensiero.

Atene

(a Massimiliano Damaggio, Nino Iacovella, Evangelia Polymou, Christian Tito, Francesco Tomada. A Francesco Marotta).

Pochi anni addietro ricevetti il dono di poter leggere i versi seguenti quand’erano ancora inediti – sarebbero poi entrati nel volume di Massimiliano Damaggio Edifici pericolanti edito da Fabrizio Bianchi per i tipi di dot.com press nel 2017 (ne riporto la versione a stampa – quella ancora inedita era solo leggermente diversa):

Θα υπάρχει πάντα ένας, κάποιος
που θα κατεβαίνει τη Θεμιστοκλέους
στο χλιαρό αεράκι, κάτω από
τα σύντομα φύλλα της σιωπής
στο φως του μεσημεριού,
……………………………………κάποιος
θα κατεβαίνει τα σκαλιά, κομμένα στα δυο
από την κίτρινη σκιά των λύχνων
και θα πέφτει, όπως έπεσα τη νύχτα αυτή εγώ
στη ζεστή αγκαλιά μιας ασφάλτου

Continua a leggere Atene

Albrecht Dürer si appresta al viaggio

( …ma potrebbe essere anche Gustav von Aschenbach o Dirk Bogarde… )

La felicità lo possiede quando (il calamo tra le dita e il foglio sul tavolo) disegna. Non copia ciò che vede: lo disegna.
La lepre, certo, e il rinoceronte e le mani della madre.

Mentre guardo il mondo l’occhio si prolunga braccio e mano e calamo e linea sul foglio: verranno poi l’acquerello oppure l’incisione o la pittura a olio.

La luce del Nord s’impiglia su cuspidi di torri e granai – e la memoria vede la luce dalmatica salire avvolgente le cupole di San Marco.
È tempo dunque di un altro viaggio. Lo sguardo si spinge fino a Venezia.

Scritto 18

Eduardo Chillida: Gravitación. Elogio del agua, 1987.

Quando nel gennaio del 2001 Charles Lloyd e Billy Higgins incidono nella casa del primo il doppio cd Wich Way is East (prodotto dalla ECM nel 2004) il secondo sa che potrebbe avere davanti a sé ancora poco tempo di vita; nel booklet allegato ci sono le foto in bianco e nero dei due musicisti e delle stanze della casa di Lloyd con gli strumenti musicali, nonché un lungo dialogo tra i due amici; sul finire Billy Higgins dice: …this might be the last time we do this. It made me understand a lot of what I’m trying to do… but for us to be able to do it at the right time, in the right space…
Tempo e spazio giusti (la justesse di cui mi parla spesso il carissimo Yves Bergeret), l’arduo coincidere di diversi elementi capaci di suggerire che quel momento in quel luogo è compiuto, preciso, addirittura necessario.
Questo è del comporre e dell’eseguire la musica, così come del disegnare e del dipingere, dello scrivere: una lunga, implacabile disciplina, un diuturno studio, amore per la vita, gioia e piacere nell’applicare disciplina e studio, concentrazione, volontà di cercare l’accordo con il respirare e con lo scorrere.
Non sono luttuose le parole di Higgins, al contrario: esse esaltano la preziosità di ogni attimo di vita e l’irrinunciabilità di progetti che sfidano le capacità dell’artista.
Il rischio sta nel cercare il tempo e lo spazio giusti e di fallire nell’impresa: ma l’eventuale fallimento non distoglie dal voler rischiare.
Higgins capisce sé stesso proprio nel fare e il suo fare è cercare e trovare l’esattezza (la giustezza: la compiutezza: la precisione: la necessità).

Memento Vivere

Donatella D’Angelo

(I, 6)

il ricordo nell’ascolto
e nella bellezza sottile
di una veglia forzata

là dove il destino lascia
il sogno scoperto
e una curva dolce
di sangue e latte materno
agli angoli della bocca

è nell’incontro tra labbro e ciglio
la verità sospesa

Tratto da:
Donatella D’Angelo, Memento vivere
Fotografie di Donatella D’Angelo e Josè Lasheras
Note di lettura di Luigi Cannillo e Lorenzo Gattoni
Nota critica di Giovanna Gammarota
S. San Giovanni, 2016, Edizioni del Foglio Clandestino

Scritto 17

Eduardo Chillida: Gravitación. Elogio del agua, 1987.

Di frequente il testo si enuclea dopo una serie di cancellature, sostituzioni, spostamenti, rimontaggi; questo significa che esiste un certo numero di testi che costituiscono l’ombra del testo definitivo, il suo invisibile retroterra, le possibilità poi eclissate dalla scelta definitiva.
Un’ombra brulicante di ripensamenti e di direzioni cassate.
Una nostalgia di quello che poteva essere e non è stato.

Scritto 16

Eduardo Chillida: Gravitación. Elogio del agua, 1987.

La materialità del segno alfabetico allo stato puro: si pensi soltanto ad alcune realizzazioni di Jaume Plensa: figure umane costituite da segni dei diversi alfabeti del mondo. E le figure sembrano raccolte in atteggiamenti di meditazione o nella postura dello scriba.
E si pensi a Ogijima’s soul, stazione d’arrivo del traghetto costruita sull’isola di Ogijima nel Mare interno di Seto: edificio dalle pareti trasparenti coperto da un tetto (simile a una nuvola) costituito dalle singole lettere dei molti alfabeti terrestri che il sole attraversa durante il giorno proiettandone al suolo e sull’acqua le ombre e che l’illuminazione notturna rende perspicue nel buio.
Per esempio: Le Nomade sul bastione Saint Jaume ad Antibes; Alchemist al Massachussetts Institute of Technology; Anima della Musica al Museo del Violino di Cremona; e i Set poetes nella Plaza Lidia Armengol Vila ad Andorra la Vella; e Conversation à Nice in Place Masséna a Nizza; Pacific Soul al Pacific Gate di San Diego…
Opere tutte che celebrano la scrittura e la parola, la conversazione e il pensiero.

Scritto 15

Eduardo Chillida: Gravitación. Elogio del agua, 1987.

Walter De Maria medita su cadenze e ritmi, li inserisce nel paesaggio spesso desertico o, comunque, spoglio e all’apparenza ostile; l’astrazione aritmetica e geometrica penetra nel suolo oppure si distende in linee rette traverso la piana o si dispone in segmenti metallici verticali: quello che accade, che si vede o fotografa o riprende con la cinepresa è interazione tra calcolo e fenomeno naturale – si vede, si fotografa, si filma (cioè si legge) quello che viene scrivendosi (iscrivendosi, descrivendosi) mutevole da istante a istante.
E il numero 3, la sfera, il metallo forgiato si ripropongono continuatori d’antichissime simbologie, il rigore della visione geometrica e aritmetica s’innesta nell’aleatorietà del disporsi e del trasformarsi del suolo, della superficie erbosa, dell’incidenza della luce: la ποίησις (il farsi creatore) si dà nel punto di giuntura tra calcolo e natura.