Tutti gli articoli di Antonio Devicienti

Marco Ercolani: le mura intorno (inedito)

Marco Ercolani ha affidato alla Dimora del Tempo sospeso un suo libro inedito, scritto tra l’agosto 2018 e il settembre 2019, intitolato Le mura intorno. 

Pubblichiamo oggi un secondo frammento.

Continua a leggere Marco Ercolani: le mura intorno (inedito)

Annunci

Memoria dell’oggi: Cosimo Ortesta

 

 

Cosimo Ortesta (Taranto, 1939 – Roma, 2 settembre 2019)

 

 

 

Rembrandt 

I

Troppo occupato per poter viaggiare
dotato di prodigiosa fantasia
sembra che non abbia tuttavia
mai dipinto un vaso di fiori.
Gli interessava la dissezione anatomica
che immancabilmente però
e diversamente dalla scena da lui nel 1632 raffigurata
dallo stomaco iniziava
non dalla mano

Continua a leggere Memoria dell’oggi: Cosimo Ortesta

Marco Ercolani: le mura intorno (inedito)

 Marco Ercolani ha affidato alla Dimora del Tempo sospeso un suo libro inedito, scritto tra l’agosto 2018 e il settembre 2019, intitolato Le mura intorno. 

Per tre lunedì consecutivi pubblicheremo frammenti dal libro e poi, nella Biblioteca di Rebstein, l’opera completa.

Continua a leggere Marco Ercolani: le mura intorno (inedito)

“Stratosgrafia” di Domenico Brancale

La voce umana “porta” la parola e dà vita alla parola ed essa è, prima e durante la formulazione della parola, suono, respiro, sfregamento dell’aria attraverso le corde vocali, contrazione e rilassamento dei muscoli del corpo; la voce può anche, allora, essere suono e modulazione del suono senza articolazione della parola, oppure articolazione parziale o deformata della parola, in ogni caso suono animale che cerca la sua scaturigine e la sua identità pre-verbale.
Il corpo strumento per l’emissione del suono (dei suoni).
Coerente con la sua ricerca di scrittura, Domenico Brancale ci offre testimonianza di un’azione poetica che, omaggiando Carmelo Bene, Cathy Berberian e Demetrio Stratos, saggia il farsi e il dispiegarsi della voce umana nella sua affinità con altre voci non umane e nella sua capacità di sorgere e modularsi anche senza finalità imediatamente comunicative o espressive di un pensiero; prossimo al confine (labilissimo) tra suono e silenzio, tra suono emesso e modulato e ricordo di altri suoni uditi, Domenico Brancale, sull’esempio di Demetrio Stratos, sforza e forza la voce in territori non necessariamente significanti, ma nei quali il senso è proprio quello della presenza del respiro, della connessione tra voce emessa e udito che la percepisce, dell’affinità con le voci animali e con i suoni che il vento produce sfregando contro corpi e oggetti.
Mai, nei suoi componimenti in versi, Brancale dimentica la presenza del corpo: qui è il corpo intero che si fa voce, notificando la propria esistenza nel mondo, trovando una libertà svincolata dal significato del suono che, in tal modo, sembra saggiare territori prossimi all’origine del respiro umano, territori, quindi, nei quali il respiro umano non si distingue più dal respiro animale né dal suono, per esempio, di una pietra o di un tronco d’albero sfregato dal vento.

Stratosgrafia” è il video di un’azione poetica tenuta durante la mostra “il corpo della voce – carmelo bene cathy berberian demetrio stratos” a cura di Anna Cestelli Guidi e Francesca Rachele Oppedisano al Palazzo delle Esposizioni, Roma 9 aprile – 30 giugno 2019.

Visioni d’Europa: frammenti a Odino (per un omaggio a Eugenio Barba)

Nei primi mesi di quest’anno Eugenio Barba ha annunciato con una bellissima lettera che il 31 dicembre 2020 lascerà la direzione dell’Odin Teatret. Sono nati così, d’impeto, questi miei “Frammenti a Odino” che desiderano celebrare il Maestro, il suo Teatro e una certa idea di convivenza e di curiosità verso il cosiddetto “altro”.

Continua a leggere Visioni d’Europa: frammenti a Odino (per un omaggio a Eugenio Barba)

L’Enciclopedia asemica di Marco giovenale

Antonio Devicienti

Per un abbozzo di “commento”
al primo volume
dell’Enciclopedia asemica
di Marco Giovenale

Mi proverò qui di seguito a commentare il volume di Marco Giovenale enciclopedia asemica / asemic encyclopædia I volume 2011-2017 edito da ikonaLíber di Roma nel 2019.

……Scusandomi in anticipo per la lunga citazione, introduco, per chi fosse poco o nulla informato sulla questione, il concetto di scrittura asemica o asemantica tramite le parole stesse di Marco Giovenale; la citazione proviene dalla rivista “l’immaginazione” n. 274 del marzo-aprile 2013, pagina 41, ma l’articolo è leggibile sul blog personale di Marco Giovenale slowforward (qui), dove si possono ritrovare innumerevoli rimandi utili ad altri siti e a versioni successive dell’articolo: Continua a leggere L’Enciclopedia asemica di Marco giovenale

Nell’esilio / Breve saggio sul “Tratto che nomina” di Yves Bergeret

Quasi un anno fa avevo spiegato il perché desiderassi intitolare questa specie di rubrica dalla cadenza irregolarissima “Nell’esilio” e vi pubblico oggi un “breve saggio” dedicato al Tratto che nomina / Le Trait qui nomme perché un’opera come questa perfettamente si costituisce quale punto di riferimento per la riflessione e l’acquisizione di ulteriore coscienza dentro una sensazione permanente di esilio dalla polis cui accennavo.
Sono la premessa di Francesco Marotta e lo straordinario saggio di Romain Poncet a fare senza dubbio alcuno scuola per me, ma provo a dipanare qualche mia riflessione in merito alla questione.

Continua a leggere Nell’esilio / Breve saggio sul “Tratto che nomina” di Yves Bergeret

Breve saggio su(lla danza di) Jackson Pollock

Quello che Hans Namuth fotografa oppure riprende con la cinepresa davanti e dentro il fienile riattato a studio a Springs (Long Island) è il ritmo di danza di Jackson Pollock mentre dipinge – ma è anche il ritmo di danza di ogni atto creativo nel suo farsi, pure nell’apparente quasi immobilità che sembra trasmettere chi scrive o chi compone musica.
La danza di Pollock è l’esplicitazione dei moti della mente che crea, l’andanza dello sguardo che sa vedere orbite di energia, corridoi di oscurità, scoscendimenti di luce, stratificazioni di materia. Continua a leggere Breve saggio su(lla danza di) Jackson Pollock

Le voci ustionanti della gioia

Nota di lettura di
Flavio Ermini
a Fuochi complici
di Marco Ercolani

 

La poesia ritaglia nella stoffa dell’angoscia la gioia della creazione. Un semplice lamento senza gioia non sarà mai un canto.
Leggiamo quanto scrive Marco Ercolani in Fuochi complici.
Ma poi leggiamo anche l’ultima lettera scritta da Heinrich von Kleist, prima di darsi la morte con Henriette Vogel sulla riva del Wannsee la mattina del 21 novembre 1811. È indirizzata all’amata sorella Ulrica e segnala il persistere dell’ombra nella mappa aurorale del nuovo giorno. Continua a leggere Le voci ustionanti della gioia

Gianluca D’Andrea: Forme del Tempo


Gianluca D’Andrea continua a dispiegare, accanto a una molto significativa attività poetica, una ricerca teorica, un’attività di studio, una riflessione di carattere critico, sociologico, politico e storico davvero degne di nota e meritevoli di essere seguite; a Postille (tempi, modi e luoghi del contatto), volume edito presso L’Arcolaio nel 2017, segue ora Forme del Tempo (Letture 2016-2018) pubblicato da Arcipelago Itaca; è un libro complesso, abitato da molteplici voci delle arti, della filosofia, della storia, un volume che fa piazza pulita (se ce ne fosse ancora bisogno) del puerile pregiudizio di una poesia “ispirata” ed “espressione dei sentimenti più autentici e sinceri  dell’autore”…  Continua a leggere Gianluca D’Andrea: Forme del Tempo

Aprirsi all’erranza: su “Non abbastanza per me” di Stefano Scodanibbio

È sempre promessa (puntualmente mantenuta) di un entusiasmante viaggio intellettuale prendere in mano uno di quei volumi bianchi sul cui dorso, in basso, si riconosce l’umile figura di Robert Walser con il cappello in una mano e l’ombrello nell’altra: proviene da una fotografia scattata durante una delle quotidiane Wanderungen dello scrittore di Bienne ed è una sorta di presenza tutelare, comunque di promessa, come dicevo, e d’impegno intellettuale che la Casa editrice Quodlibet di Macerata si è assunta nei confronti dei propri lettori; il volume di cui desidero scrivere qui s’intitola Non abbastanza per me (scritti e taccuini) di Stefano Scodanibbio e regala gioia e il gusto della scoperta a chiunque, con atteggiamento appunto walseriano, desideri attraversare paesaggi di pensiero e di scrittura non scontati, non banali, non dozzinali.

Continua a leggere Aprirsi all’erranza: su “Non abbastanza per me” di Stefano Scodanibbio

Poeti di Sicilia

Emilio Isgrò, Sicilia, 1970.

“Mi fa molto piacere raccontare com’è nata quest’opera comune che La Dimora del Tempo sospeso propone adesso ai suoi lettori: nell’estate del 2018 Leonardo Barbera e Antonio Lanza mi hanno chiesto di curare una raccolta di testi poetici di autori accomunati dalla loro origine siciliana; ho preso tempo, ho cercato notizie e testi, poi ho “rilanciato” chiedendo ad Antonio e a Leonardo di contattare i poeti che si aveva desiderio di coinvolgere per chiedere a coloro che avessero voluto partecipare d’inviarmi ciascuno dieci suoi testi (tendenzialmente inediti, ma non esclusivamente). Così ha cominciato a prendere corpo questa pubblicazione, ma avverto che quanto ho finora raccontato è una piccolissima parte della storia (…)” – dalla nota in limine di Antonio Devicienti a Se i poeti s’incontrano (poeti d’origine siciliana di questi anni) d’imminente pubblicazione sulla Dimora del Tempo sospeso (La Biblioteca di RebStein LXXVI).

I Poeti sono: Andrea Accardi, Giovanni Asmundo, Leonardo Barbera, Luigi Carotenuto, Diego Conticello, Gianluca D’Andrea, Daniela D’Angelo, Noemi De Lisi, Gianluca Fùrnari, Vincenzo Galvagno, Maria Grazia Insinga, Antonio Lanza, Giuseppe Nibali, Marilena Renda, Pietro Russo.

“Liriche” di Marcabru

Quando rifletto su opere di livello molto alto e che, malgrado questo, rischiano di rimanere semisconosciute o di essere ignorate, mi si affaccia alla mente un’opera del Maestro Claudio Parmiggiani che si chiama TERRA e che consiste in una sfera d’argilla sotterrata in un luogo (ormai non identificabile) del Chiostro del Palazzo Saint Pierre a Lione: l’opera esiste, sta sepolta nel suolo, esiste nella memoria di chi l’ha vista e di chi ne tramanda il ricordo, esiste nelle fotografie che furono scattate in occasione dell’occultamento e in tal modo esistendo sfugge alla logica commerciale e mediatica che governa le arti a noi contemporanee, è testimonianza del pensiero creatore, ha l’essenza stessa del lievito che, occulto, agisce e alimenta, ma si sottrae alla volgarità di un sistema che ne farebbe un mero prodotto per il mercato. Continua a leggere “Liriche” di Marcabru

Su “Tirrenide” di Maria Grazia Insinga

Che Tirrenide di Maria Grazia Insinga sia l’opera risultata vincitrice della sezione “opera inedita” del Premio Lorenzo Montano 2019 conferma l’originalità e la qualità della scrittura dell’autrice siciliana; probabilmente più di un lettore storcerà il naso pensando (non a torto, devo ammettere) che i premi letterari non siano né debbano essere misura attendibile e legittima per accertare i valori reali di un libro, ma penso che il Premio Montano possa essere annoverato tra i pochissimi premi di poesia degni d’attenzione e di credibilità e aggiungo che si tratta per me di un’ottima occasione per parlare qui di una raccolta che ho avuto da tempo il privilegio di leggere in privato; questo significa che non ne riporterò alcun testo perché rispetto il fatto che l’opera sarà editata proprio nell’ambito del Premio Montano e perché desidero incuriosire i lettori che, mi auguro numerosi, vorranno acquistare il libro – comunque un manipolo d’inediti da Tirrenide è stato già pubblicato qui, sulla Dimora del Tempo sospeso, nel “quaderno” della Foce e della Sorgente materiato di testi di Maria Grazia Insinga e altri saranno disponibili a breve, sempre in questo spazio, quando Francesco Marotta e io avremo pubblicato una raccolta di testi di poeti siciliani tra i quali, appunto, inediti da Tirrenide. Continua a leggere Su “Tirrenide” di Maria Grazia Insinga

Ain Kaalep …in un soffio fra gli aceri…

Ain Kaalep
…in un soffio fra gli aceri…
Poesie scelte (1945-1999)
Lietocolle 2019

Traduzione dall’estone di Mailis Põld, introduzione e cura di Paolo Ottaviani

 

Sünnipäev

Kui ma sain seitsmeteistkümneaastaseks,
olin ma millegipärast üksi kodus.

Lõppev kevad lilletas akna taga aasu.
Kaugetel tandritel surid inimesed.

Lülitasin raadio sisse ja kuulasin.
Kaugetest saatjatest kõneldi kõiksugust.

Äsjane koolipoiss, nii väga minu nägu,
kuulas sajapäise sõja salasõnu.

Jõed ja järved olid vait, metsad ägasid tasa.
Mesilased sõelusid filosoofilisi õisi pidi.

Hirm, lootus ja klaasine taipamatus
krigisesid seitsmeteistaastase ajukurdudes.

Tallinnast saadeti sümfoonilist muusikat.
Sattusin kuulama Beethoveni viiulikontserti.

Praegu ei oska ma kirjeldada seda kuulamist.
Põlevates linnades surid inimesed.

“Kuulasin Beethovenit,” kirjutasin sõbratarile.
“Kuulasin Beethovenit Tallinna raadiost.”

Vanem ja targem oli minust see sõbratar,
kellele ma kirjutasin kevade lõppedes.

“Mul oli sünnipäev,” kirjutasin sõbratarile.
Koonduslaagrites surid inimesed.

Ilus oli see sõbratar ja tundis muusikat
paremini minust, seitsmeteistaastasest. Continua a leggere Ain Kaalep …in un soffio fra gli aceri…

Di persone senz’ombra (una Wanderung berlinese)

Quando nel 1812 Adelbert von Chamisso fa ritorno a Berlino, ha alle spalle due anni di studi di botanica (oltre che la frequentazione con Madame de Staël); nella capitale prussiana prosegue gli studi scientifici e l’anno seguente scrive La straordinaria storia di Peter Schlemihl, il racconto di colui che vende la propria ombra al diavolo; nel 1815 s’imbarca sulla nave russa Rurik per effettuare un viaggio a scopi scientifici intorno al mondo e nel 1819, dopo il suo ritorno, viene nominato responsabile dell’erbario reale presso l’Orto botanico di Berlino che allora si trovava nell’area dell’attuale Kleistpark – sarà verso la fine dell’Ottocento che, per esigenze di spazio, l’Orto botanico verrà trasferito nell’area in cui adesso si trova, cioè da Schöneberg a Lichterfelde. Continua a leggere Di persone senz’ombra (una Wanderung berlinese)

Il Declaro, il giogo del calcinaccio, un carnevale di pietra, una città spaccata

Il Declaro: il 17 maggio 1991 un uomo alto e dinoccolato, folta la barba sul viso, vende per le strade di Lecce un foglio ciclostilato che si chiama Il quotidiano dei poeti. Lo stesso farà ogni giorno fino al 30 maggio e, in molte città italiane, amici e collaboratori distribuiranno quel foglio che non parla di poesia, ma pubblica quotidianamente poesia. Quella persona timida, determinata e geniale si chiama Antonio Leonardo Verri ed è un intellettuale e poeta che si nutre della tradizione popolare salentina e del dialetto (Verri è di Caprarica – la “città delle capre” dove ancora si usa il griko, l’antica parlata neoellenica frammista a vocaboli neolatini) e delle più audaci sperimentazioni a lui contemporanee: è scrittore e animatore culturale instancabile. Verri muore in un incidente automobilistico il 9 maggio 1997. Continua a leggere Il Declaro, il giogo del calcinaccio, un carnevale di pietra, una città spaccata