Tutte le voci – di Manuel Cohen

[MANUEL COHEN]

pace-israele-e-palestina

TUTTE LE VOCI (2005 – 2008)

La notte è distante, oltre i rivi della
propria potenza
di sotterrare i vivi
nell’ombra di ogni storia,
di far riemergere i morti
come peso, misura, gloria

(Paolo Volponi, Con testo a fronte)

Mentre scrivo la terra è minacciata.
Forse aprono voragini nel fondo
mare, dall’abisso cadono sul mondo

(Roberto Roversi, Dopo Campoformio)

 

…sarà colpa di Pietro Bembo
se a volte di notte
strepitano alle porte i volgari
piangono urlano tutti i dialetti
endogeni autoctoni particolari
incatramati sulla lingua autostradale
impeciati per piacere vittoriale
per il Grande Raccordo Anulare…

                                       -oltre la parete la soglia il muro
                                       nei silenzi infetti un suono puro-

vengono voci
                   in bollicine d’aria
rinvengono
               dagli abissi
                              del Baltico

imprecazioni di soldati
foglietti scritti
                    biglietti ai cari
                                        addii
imprigionati in sottomarini russi
incagliati sul fondo
                         assiderati

invocazioni suoni di corpi
avvoltolati nei ghiacciai
alpini andini himalayani

                                           cacciatori mistici imbonitori
                                           viaggiatori santi predicatori
                                           esploratori eresiarchi pensatori

acciambellati in sconce stive
                                       stipati
insaccati in suoli carsici
                                crivellati

                                       vittime le vittime

 

                                          agite agitate agapate ora e sempre

carnefici i caini le carneficine
i caligola i neroni le agrippine

nelle foibe titine nelle fosse
di Milòsevic alle Ardeatine
                                   le voci
dissepolte alle torbiere del Donegal
catene di affogati al largo del Senegal

                                          golette gondole galeoni galere
incagliate alle barriere coralline

                                           voci indistinte adamantine

le voci
          piantate in piantagioni
di tabacco coca caffè carioca
sepolte ai piedi dei faraoni
sacrificate su are capre agnelli
piatti d’argento vitelli d’oro

la Nina la Pinta l’Amistad
Andrea Doria Titanic Moby Prince
Trafalgar Waterloo Salamina

le voci
          dei suicidi iberici
all’arrivo di Scipione l’Emiliano

                                             falangi opliti fanti

imprigionate a Guantanamo
a Cuba nel gulag siberiano
al supercarcere di Fossombrone
sequestrate all’Aspromonte
                                          rapite
nella Locride in Barbagia
presidenze prigioniere in una dacia
assediate a ferro e fuoco
a fame e sete
                a Troia
                    a Micene

 

nel ghetto di Varsavia a Mostar
nella guerra dei cent’anni

le voci
         degli eccidi d’Algeria
maciullate nella piazza di Pechino
bombardate nella notte Londra
Berlino Bagdad Montecassino
asfissiate al gas nervino
                                      le voci
sedute imbalsamate nel cinema
di Mosca docciate a Mathausen
Auschwitz-Birkenau violentate
dai Kmer rossi di Pol-Pot
                                       nelle risaie cinesi nei conventi
                                       della piana di Navelli
                                       nelle colonie inglesi
                                       nei possedimenti francesi

mozzate recise attilate
dal Gran Chan Gengis-Chan

ingranaggi di Archimede ruote dentate
catapulte greche balestre perfezionate
per la prima guerra tecnologica

le voci
          musulmane arginate
a Poitiers rintuzzate a Vienna
le voci arabe fermate a Lepanto

                                       aste alabarde piccozze palafreni
                                       asce sciabole scettri spade
                                       olii bollenti picche palle infuocate

                 le voci
          issate sulle croci
                 barbare
                 celtiche
                 romane

le voci
          di vergini mondane

 

arse nelle piazze a ogni raduno
le voci di Giordano Bruno

                                          infervorate folli scaramantiche
                                          eretiche streghe lesbiche
                                          giovanne d’arco canterine
                                          pulzelle infanti saffiche puttane

le voci
          drude strologhe diverse
le voci avverse controverse
le cassandre inascoltate
le pizie perse precipitate

centrifugate centripetate         tutte le voci
urlate dette insufflate              tutte le voci

resistenza
              insistenza
                            desistenza

spalmate su tabulae rasae gommate
spiaccicate su terricci e ghiaini
                                            tutte le voci di Pasolini
                                            tutte le voci di Franco Fortini
                                            tutte le voci di Paolo Volponi

legate
          saltate
                     morte ammazzate
Falcone Moro Borsellino
                                            la voce del bambino
                                            nel pozzo artesiano
                                            dal fondo a Vermicino
                                            il piccolo Alfredino
                                            Rampi
                                            innocenza sventura destino

 

e sono spore spoglie mortali
fosse d’antiche lingue
glosse su soglie reali

                                            rifugi bunkers trincee
                                            spalti garitte assalti
                                            fossati steccati fili spinati

urlano in tutti i volgari
le lingue mortevive
                         le voci
le voci più assertive
vengono come vengono
a ondate
             estromesse
                             evacuate
migrate dette evocate

                                            odi epòdi cori delle donne
                                            ateniesi tebane talebane

battute battendo metacarpi
vocianti alle lapidazioni
osannanti ai napoleoni
inquietanti
               per milioni di morti
imbarazzanti
                 grandeurs per troppi torti

laceranti
             sulla corriera saltata
a Tel Aviv nelle case dei coloni
nei due milioni di Palestina
sotto la pioggia di pallottole
nei sei milioni d’Israele
sotto assedio e sassaiole
da Isacco
             da Ismaele

Ira Olp Mossad
la Guerra dei Sei giorni
                               i feddain
i giornalisti libanesi di An-Hamar
                                           trucidati

 

la strategia della tensione
i sindacalisti gambizzati
B.R.
        NAR
                Ordine Nuovo
le barricate a Milano
le Cinque Giornate
                         Solferino
il Maggio francese
                         la Primavera
di Praga
            le molotov a Valle Giulia
tribù di talpe
                  i collettivi
                                gli Indiani urbani
devastate stagioni tacitate

                                      le voci

precipitate alle Twin Towers
le compagne abbracciate sul boeing
come nei calchi di Ercolano
bruciacchiate nel petrolio del Kuwait

le voci
          sottoterra dei curdi
senzaterra
               le voci
                         sotto la neve
degli armeni le voci sotto sale
le voci sotto i lapilli di Pompei
le voci nei piloni dei cementi
le voci al napalm
                        le bombe intelligenti

                                             le donne
                                             a Zama
                                             a Belgrado
                                             a Plaza de Majo

le voci
          sotto la cenere
di Hiroshima o Tzunami

 

chiamano
             tornano
                        salgono
di satellite in satellite
rimbalzano dagli States
dal
     braccio
                della
                       morte
                                democratica
le voci ritorte
                   le voci
di Greenpeace per le foche
per le balene
                  per le ultime falene
assaltano la notte
del pensiero occidentale
navigano alle porte del veliero
di veleni vendette colpe
dell’antico Egitto

segnati i cardini
dati i contrordini
fronteggiando la sciagura

invocati gli dei
cantati i carmi
i cavalieri
             l’armi
                     i lari
per la primogenitura

voci di cesura
voci di censura
voci di clausura

                                   la voce estraniata di Caproni
                                   la voce stralunata di Baldini

                                   la voce della Rosselli più eversiva
                                   la voce di Penna alternativa

                                   la voce della Romagnoli risentita
                                   la voce di Scataglini impercepita

                                   la voce d’oltrelingua di Loi di Giacomini
                                   la voce d’altralingua della Zoni e Bettarini
                                   la voce d’interlingua di Bàino e di Nadiani

                                   la voce materiale di Porta e Pagliarani

                                   la voce laterale di Neri di Sereni

                                   la voce di Roversi inagguerrita
                                   la voce di Luzi
                                                      della vita
                                                                  disarmata

 

volgari neo-volgari dialettali senza Koinè
le voci dei cari alla Tribù
tra quelle cui destinarono le Tavole

di stirpi nomadi stanziali
voci di esodi privazioni
                              dialetti
favole idioletti monadi esiziali
per la guerra a chi c’è c’è
chi no
         esca dai canoni

lalie ecolalie antologie
deserti senza fiori
Sinài senza ginestre
le voci
         alle balìe della marea

                                   voci di discrimini
                                                          frontiera
                                   voci nella incerta inchiostratura
                                   alla memoria deficitaria
                                                                   infutura…

 

***

13 pensieri su “Tutte le voci – di Manuel Cohen”

  1. La voce, detta, scritta, cantata, la voce che precipita negli abissi del tempo o resiste, reca con sé ancora messaggi da ciò che è stato verso ciò che sarà. Una ricchezza che stiamo perdendo o, forse, si trasforma in qualcosa che ancora non sappiamo immaginare.

  2. Un testo vivo, molto diverso anche formalmente dagli altri di Manuel già presentati qui in passato. Un grido composto ma un grido, di compassione – mi viene da dire – nel suo stesso esistere, ed al tempo stesso di speranza perchè la memoria diventi presente e futura, cancellando quell'”in” dell’ultimo verso.

    Un caro saluto a manuel e fm.
    francesco t.

  3. Ringrazio Ivan e Francesco.

    Non so se Manuel, in questi giorni, ha la possibilità di seguire. In ogni caso, leggo questo “poemetto” in fieri come il diario mobile di una vocazione, di una “lunga fedeltà” alle radici etiche della poesia, alla sua naturale tensione a farsi prassi condivisa, mosaico di voci, pane elementare che per esistere ha bisogno di partirsi tra mille e mille mani.

    fm

  4. se da una parte c’è la disgregazione della ‘storia’, dei fatti, di tutto quelle rotture praticate dalla politica, dal quotidiano, dall’altra c’è la ricucitura della poesia, dei poeti citati che diventano scudo e forma per vivere il proprio quotidiano.
    piace vedere come un poeta sappia ascoltare (ma è Manuel!!) e leggere gli “altri”, li sappia coinvolgere nel suo dire e nel suo fare.
    mi sembra di trovare uno scarto, un cambiamento nella scrittura, rispetto a cose da me lette antecedentemente. è possibile?

    un abbraccio

  5. mosaico di confini
    cancellati dai venti nuvole maree
    e voci parole ululati che come spore si posano di nuovo su deserti cieli ombre
    da poesia nasce poesia che canta popoli persone memorie futuro
    grande manuel
    c.

  6. scusate il ritardo. Ho solo ora la possibilità di collegarmi. Ringrazio tutti i lettori di Rebstein, quanti mi hanno inviato mail private, e quanti sono intervenuti con le loro parole profonde, intelligenti e amiche. Devo dire un grazie particolare a Francesco Marotta, per l’ospitalità e pure per il coraggio della proposta… pensavo sinceramente che questo testo complicato fosse di non facile collocazione. Effettivamente, e rispondo a Francesco Tomada e Alessandro Ghignoli c’è diversità formale e scarto rispetto a altri testi apparsi proprio su Rebstein: io lo considero il mio controcanto, una corda che comunque ho sempre tenuta stretta, di memoria, di presenza, e pure, in qualche modo di sperimentazione informale. L’idea è comunque nel tentativo di restituire il testimone di una vicenda polifonica, in qualche modo corale, se non comune, come mi pare che Ghignoli e Ivan Crico abbiano colto. Un Grazie particolare a Carmine Vitale e Natàlia Castaldi che ne hanno colto un filo fondamentale. Grazie a Anna Lamberti Bocconi (ho perso la tua mail ho una cosa importante da comunicarti) e ancora a Francesco Marotta: quella ‘lunga fedeltà’ alle radici etiche della parola, è la cosa che più ci accomuna.

  7. C’è un grido silenzioso di dolore e di compassione in questo lungo testo di Manuel, un grido silenzioso che deflagra nel silenzio di questa nostra “civiltà”, che sento mio, che lo sento avvolgermi la spina dorsale, annidarsi come una pietra ghiacciata dentro lo stomaco, denudare l’anima e portarla al cospetto della realtà, di fronte la sua pira, la sua piramide di follia.
    Fabio F.

  8. Grazie Francesco e grazie Fabio: quel grido è nel constatare che la storia non è che una infinita sequela di violenze sangue e soprusi. Quella che chiamiamo ‘civiltà’, non è altro, e qusi sempre, che la volontà di potenza dei vincitori sui vinti. E la memoria, purtroppo, è quasi sempre, la memoria dei vincitori.

  9. Diceva René Char che la poesia non ha alternative: o si leva contro la memoria dei vincitori, o è uno strumento docile nelle mani del carnefice.

    L’aut-aut vale oggi più di ieri: qualunque cosa si scriva.

    fm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...