Umana gloria/Humana gloria – di Mario Benedetti

[RETROGUARDIA]

umana_gloria
Nelle finestre i giorni.
Si animano pochi visi,
venuti senza chiedere mai
perché ne ho bisogno.
Dove comincio anch’io.
Dove finisco
è una lunga luna,
il grande nero delle montagne.

mariobenedetti

 

En las ventanas, los días.
Se animan pocos rostros,
llegados sin pedirlos nunca
porque se les necesita.
Donde comienzo también yo.
Donde termino
hay una larga luna, el enorme
negro de las montañas.

(Mario Benedetti)

Da: Mario Benedetti, Umana gloria, Milano, Mondadori Editore, 2004.

[Traduzione di José Daniel Henao Grisales
Scelta dei testi a cura di Francesco Sasso
Revisione della traduzione a cura di Marino Magliani]

[Qui l’opera in formato pdf]

*

Passi lontani, bambini crespi nell’aria forte,
il piccolo gelo delle mani tenute vicine a prendersi. Oh inverno.

Nel freddo, il sigaro di Vanni, l’erba bianca e dura, giocare.

Abbiamo imparato nelle nostre case il modo di mangiare.
I tetti, quei tetti mi dicevano che io ero i miei occhi e non altri.

Nel freddo, adesso, ho un po’ di febbre e qui da solo…

Una volta sono venute le luci prima di dormire e c’era la nonna.
C’era la legna da preparare per il carbone e Ernesta
doveva scendere alla locanda a comprare il toscano.
La jarbe jenfri i claps sul ôr de strade.
L’erba tra i sassi sull’orlo della strada.
La piccola staccionata.
Noi non possiamo scendere più così.

Servirebbe guardare da lontano, pensare che si guarda.

Pieno un pomeriggio di dormiveglia voglio stare.

Stare con le nuvole ferme come una cosa bianca delle montagne.

In una finestra si ricorda il vento tra le foglie.

“Mi dici che non vieni e così penso
se anche verrai non ti dirò niente
ma se non parlerò tu capirai
che non ti voglio”.

Era una che diventava una. Oh inverno.

*

Pasos lejanos, niños rizados en el aire fuerte :
el pequeño hielo de las manos sostenidas, cerca de tomarse. ¡Oh invierno!]

En el frío los cigarrillos de Vanni: la blanca y dura hierba: jugar.

Hemos aprendido en nuestras casas el modo de comer. Los tejados, aquellos tejados me decían que]
yo era mis ojo y no otros.

En el frío, ahora, tengo un poco de fiebre y estoy solo…

Una vez han llegado las luces antes de dormir, y era la abuela. Era la leña para preparar el carbón, y]
Ernesta debía descender a la posada para comprar el toscano.
La jarbe jenfri i claps sul ôr de strade.
La hierba entre las piedras por la orilla de la calle. La pequeña estacada. Nosotros no podemos]
descender más de esta manera.

Serviría mirar desde lejos, pensar que se mira.

Una tarde repleta donde quiero estar en duermevela. Estar con las nubes firmes, como una cosa]
blanca de las montañas.

En una ventana se conserva el viento entre las hojas.

“Me dices que no vienes, y así pienso,
si también verás que no te diré nada;
y si no hablo, tú pensarás que no te deseo…”

Era una que se convertía en una. ¡Oh invierno!

*

Nelle finestre i giorni.
Si animano pochi visi,
venuti senza chiedere mai perché ne ho bisogno.
Dove comincio anch’io. Dove finisco
è una lunga luna, il grande nero delle montagne.

Mi sembrava una notte con la neve oggi
la piccola spesa, i pochi soldi, la tua piccola felicità.
E anch’io ho visto le montagne, mamma, non sempre,
ma ho visto le montagne.
I sassi rotolano giù, basta non gridare.

*

En las ventanas, los días.
Se animan pocos rostros,
llegados sin pedirlos nunca porque se les necesita.
Donde comienzo también yo. Donde termino
hay una larga luna, el enorme negro de las montañas.

Me parecía una noche con la nieve de hoy,
el ínfimo gasto, las pocas monedas, tu pequeña felicidad.
Y también he visto las montañas, madre, no siempre,
pero he visto las montañas.
Las piedras ruedan abajo: basta con no gritar.

*

È stato un grande sogno vivere
e vero sempre, doloroso e di gioia.
Sono venuti per il nostro riso,
per il pianto contro il tavolo e contro il lavoro nel campo.
Sono venuti per guardarci, ecco la meraviglia:
quello è un uomo, quelli sono tutti degli uomini.

Era l’ago per le sporte di paglia l’occhio limpido,
il ginocchio che premeva sull’erba
nella stampa con il bambino disegnato chiaro in un bel giorno,
il babbo morto, liscio e chiaro
come una piastrella pulita, come la mela nella guantiera.

Era arrivato un povero dalle sponde dei boschi e dietro del cielo
con le storie dei poveri che venivano sulle panche,
e io lo guardavo come potrebbero essere questi palazzi
con addosso i muri strappati delle case che non ci sono.

*

Ha sido un grande sueño vivir y siempre verdadero,
de dolor y de alegría.
Han venido por nuestra risa, por el llanto contra la mesa y contra el trabajo del campo.]
Han venido para contemplarnos, he aquí la maravilla: aquello es un hombre, aquellos son todos los hombres.]

Era la aguja para las espuertas de paja, el ojo límpido, la rodilla que presiona la hierba]
la imprenta con el niño diseñado claramente en un día bello, el padre muerto, liso y claro como una]
baldosa pulida, como una manzana en la guantera.

Había llegado un pobre de las riberas de los bosques, y de detrás del cielo,]
con las historias de los indigentes sobre las bancas. Yo contemplaba: cómo podrían ellos tener]
aquellos palacios, los muros arrancados de las casas que no existen.]

*

Rue de Siam

Girano nell’estuario davanti a Recouvrance i battelli,
e lo popolano di vele, e ancora lungo la banchina è porto
dove adesso è porto militare, e strade riservate con la guardia…

Con gli occhi aperti delle donne ferme che ho visto
e la giacca per il vento, quasi lussuosa e unica la tua giacca,
a cosa ti posso assomigliare, quasi una stampa nella via…

Mangio qualcosa, sono qui
i giornali, i cibi, mi piace stare seduto a guardare
alla finestra le nuvole, dormo,
tornano delle mani nelle tue, allegre, attimi,
ecco, sono questo, prendimi mio Signore,
stare così raccolto.

Come si fa sempre a vivere. Avere nelle mani il freddo, il vento…
sentire solo perché un altro ti veda così e ti porti per sempre via.

*

Rue de Siam

Giran los barcos en el estuario delante a Recouvrance, Y los llenan de velas,]
y aún el muelle largo es puerto donde ahora está el puerto militar, y las calles reservadas por la guardia…]

Con los ojos abiertos de las mujeres paradas que he visto y la chaqueta por el viento, casi lujosa y]
única tu chaqueta, a quién puedo parecer, casi una estampa por la calle.]

Como cualquier cosa, estoy aquí;
los periódicos, los alimentos: me gusta estar sentado y mirar las nubes a través de las ventanas.]
Duermo, vuelvo las manos a las tuyas, alegres, instantes: heme aquí, yo soy esto, ¡tómame Señor mío!]Estarse así tranquilo.

Como se puede siempre vivir. Tener frío en las manos, el viento…sentir sólo porque otro te mira así]
y te expulsa por siempre.

*

Che cos’è la solitudine

Ho portato con me delle vecchie cose per guardare gli alberi:
un inverno, le poche foglie sui rami, una panchina vuota.

Ho freddo, ma come se non fossi io.

Ho portato un libro, mi dico di essermi pensato in un libro
come un uomo con un libro, ingenuamente.
Pareva un giorno lontano oggi, pensoso.
Mi pareva che tutti avessero visto il parco nei quadri,
il Natale nei racconti,
le stampe su questo parco come un suo spessore.

Che cos’è la solitudine.

La donna ha disteso la coperta sul pavimento per non sporcare,
si è distesa prendendo le forbici per colpirsi nel petto,
un martello perché non ne aveva la forza, un’oscenità grande.

L’ho letto su un foglio di giornale.
Scusatemi tutti.

*

¿Qué cosa es la soledad?

He traído conmigo las viejas cosas para contemplar los árboles; un invierno, las pocas hojas sobre]
los ramos, una banca deshabitada.
Tengo frío, pero como si no fuese yo.
He traído un libro, me digo… haber pensado en un libro como un hombre con un libro,]
ingenuamente.
Parecía hoy un lejano día, ensimismado.
Me parecía que todos habían visto el parque en los cuadros, la navidad en los cuentos, las imprentas]
sobre este parque en su propio grosor.
Qué cosa es la soledad.
La mujer ha extendido la manta sobre el pavimento para no ensuciar,]
recostada tomando las tijeras para golpearse el pecho; un martillo porque no tenía la fuerza, una obscenidad.]

Lo he leído sobre una hoja de diario.
Perdónenme todos.

*

A D.

Penso a come dire questa fragilità che è guardarti,
stare insieme a cose come bottoni o spille,
come le tue dita, i tuoi capelli lunghi marrone.
Ma d’aria siamo quasi, in tutte le stanze
dove ci fermiamo davanti a noi un momento
con la paura che ci ha assottigliati in un sorriso,
dopo la paura in ogni mano, o braccio, passo,
che ogni mano, o braccio, passo, non ci siano.

*

A D.

Pienso cómo hablar de esta fragilidad que es mirarte,
estar junto a las cosas como botones o broches,
como tus dedos, tus cabellos largos y marrones.
Pero de aire casi somos, en todas las estancias,
en donde nos detenemos delante de nosotros un momento,
con el miedo de que nos han agudizado en una sonrisa,
después del miedo en cada mano, o brazo, o paso,
que cada mano, brazo y paso no hayan sido.

*

Come dire che due ragazzi camminano
sulla breve salita
e la notte cammina
in quel breve salire,
e in questo poco tempo noi siamo vivi,
erba, fiume laggiù
che mormori a tutto il vuoto e a me
l’eco del salire dei corpi?

*

Cómo decir que dos muchachos caminan
sobre la corta empinada
y la noche camina
en aquel corto salir;
Y en este pequeño tiempo estamos vivos,
hierba, río abajo que murmuras al vacío entero y a mí,
¿Es el eco que sale de los cuerpos?

*

Non sapevo se le mie parole erano le stesse
per tutti, la mia notte
se era la stessa nessuno lo diceva.

Valli, ogni volta che venivo,
erba ripetevo, adesso è ancora questa erba,
e alberi, toccarli, dire alberi.

Viale che non guardo,
rimasto come lo sapevo ma neppure un viale.
E cammino anche più in là di me
adesso che piangere è pioggia,
e stare soli è più grande.

*

No sabía si mis palabras eran las mismas para todos,
si mi noche era la misma: nadie lo decía.

¡Oh Valles!, cada vez que regresaba la hierba se repetía:
ahora y todavía, la hierba; y los árboles, y tocarlos, decirles árboles.,]
Avenidas que no miro permanecen como lo sabía, sin ser una sola avenida,]
Y camino también más allá de mí,
ahora que llorar es lluvia,
y estar solos es más grande.

*

Riesumazioni

Cerco una fine dove giocavo.
E altre forme nella mente adulta
raccolgo il nonno bambino dalla terra.
Le ossa di mio padre
raccolgono sempre gli alberi,
il tram della città, le parole che scambio.
Le ossa, la scheggia della guerra che era nella gamba,
l’acqua che bagna gli orti e le viti,
i denti rimasti bianchi, gelati, il sole.
Mio viso che sei stato una cosa,
piccolo con le grondaie e le castagne, i monti,
i chilometri di un paese. E l’automobile bianca,
la ferrovia, le cinquecento lire, le mille lire,
la zuppa con il vino e altro
chiuso in una sola mantellina ritornava.

*

Exhumaciones.

Busco el fin donde jugaba
y otras formas en la mente adulta.
Recojo al abuelo-niño de la tierra.
Los huesos de mi padre recogen siempre los árboles,
el tranvía de la ciudad, las palabras que intercambio.
Los huesos, la astilla de la guerra que estaba en la pierna,
el agua que baña los huertos y las vides,
los dientes aún blancos y helados… el sol.
Mi rostro que ha sido una cosa,
pequeño con las lágrimas, las castañas, los montes y los kilómetros de un país.]
Y el automóvil blanco, el ferrocarril, las quinientas liras… las mil liras,]
la sopa con el vino y el cerrado capote que retornaba con una esclavina sola.]

________________________

Nota biobibliografica

Mario Benedetti nasce a Udine nel 1955 e vive a Milano. Nel 1986 fonda a Padova con Stefano Dal Bianco e Fernando Marchiori la rivista di poesia contemporanea “Scarto minimo”. Ha pubblicato Moriremo guardati, Forlì, Forum/Quinta generazione, 1982; La casa, Milano, Polena, 1985; Il cielo per sempre, Milano, Schema Poesia, 1989; I secoli della primavera, Ascoli Piceno, Edizioni Sestante, 1992; Una terra che non sembra vera, Pasian di Prato, Campanotto editore, 1997, Il parco del Triglav, Milano, Stampa, 1999; Borgo con locanda, Circolo culturale di Meduno, 2000; Umana gloria, Milano, Mondadori, 2004 (edizione in cui il poeta sceglie e rielabora testi delle raccolte precedenti accostandoli a poesie nuove); Pitture nere su carta, Milano, Mondadori, 2008.

José Daniel Henao Grisales nato a Medellín, Colombia, nel 1985.
Diploma accademico – Collegio della UPB.1997-2003, NLC (Natural English Corporation) 2003; Università di Antioquia, Dip. Filologia e Lettere – Centro di Studi Italiani 2001-2004.
Traduttore dall’inglese e dall’italiano allo spagnolo.
Ha lavorato per Prometeo, Corporazione di Arte e Poesia. Festival Internazionale di Poesia, e ha svolto una intensa attività presso l’Editoriale dell’Università di Antioquia come traduttore dall’italiano.
Scrittore di articoli e rassegne.

___________________________

***

Annunci

18 pensieri riguardo “Umana gloria/Humana gloria – di Mario Benedetti”

  1. Questo libro, che racchiude le raccolte precedenti di Benedetti, è uno dei più belli che io abbia mai letto e consumato. Un percorso autonomo, pulito, profondo. Qui c’è tutto. Bello vederlo tradotto.

    Grazie a fm per la proposta.

    Francesco t.

  2. Mi serve e non mi serve

    La speranza così dolce
    così pulita così triste
    la promessa cosi’ lieve
    non mi serve

    non mi serve così mite
    la speranza

    la rabbia così docile
    così debole cosi’ umile
    l’ira cosi’ prudente
    non mi serve

    non mi serve così saggia
    tanta rabbia

    il grido così giusto
    se il tempo lo permette
    l’ urlo accurato
    non mi serve

    non mi serve così buono
    un gran tuono

    il coraggio così docile
    la bravura così inconsistente
    la sfrontatezza cosi’ lenta
    non mi serve

    non mi serve cosi’ fredda
    l’ audacia

    mi serve, si, la vita
    che e’ vita fino a morirne
    il cuore allerta
    si, mi serve

    mi serve quando avanza
    la fiducia

    mi serve il tuo sguardo
    che e’ generoso e deciso
    e il tuo silenzio schietto
    si mi serve

    mi serve la misura
    della tua vita

    mi serve il tuo futuro
    che e’ un presente libero
    e la tua lotta di sempre
    si, mi serve

    mi serve la tua battaglia
    senza medaglia

    mi serve la modestia
    del tuo orgoglio possibile
    e la tua mano sicura
    si, mi serve

    mi serve il tuo sentiero
    compañero.

    Mi piace più come scrittore di romanzi, Mario Benedetti. Credo che ora, specialmente dopo la morte della moglie, sia abbastanza acciaccato e in là con gli anni. Ma chi l’ha tradotto questo libro?

  3. Aiutoooo! Ma da dove esce? Esiste un altro Mario Benedetti? Con lo stesso nome del grande intellettuale paraguayano? Questi son numeri….

  4. Sì, un altro Benedetti, poeta friulano trapiantato a Milano, ma da un po’ ritorna sempre più spesso qui in Friuli. Pensa che anche sul giornale di qui in dicembre, per pubblicizzare una sua lettura, hanno pubblicato una foto dell'”altro” Benedetti…
    Ciao
    Francesco t.

  5. Mi piace la poesia di Mario Benedetti.
    C’è il respiro dell’immobilità dell’essere nelle sue poesiei, e c’è lo stupore o il nitore che le segue: un poema del mondo, incessante.
    Una gioia rileggerle, distillarne i sensi.
    la traduzione in lingua spagnola poi, ( mia seconda patria) mi fa l’effetto dello spagnolo stesso: la lingua adatta a parlare con Dio, come detto con giustezza.
    Maria Pia Quintavalla

  6. Questo post, curato da Francesco Sasso, inaugura la collaborazione tra “La Dimora del Tempo Sospeso” e “Retroguardia” (che invito caldamente a visitare e a leggere). A Francesco il più cordiale benvenuto.

    fm

  7. Caro Giorgio, si tratta di un simpatico equivoco. Immagino che la cosa possa non dispiacere al “nostro” Benedetti, visto che l’omonimia è con uno dei più grandi narratori latinoamericani del Novecento (“La tregua” e “Grazie per il fuoco” sono tra le mie letture preferite di sempre), nonché validissimo poeta a sua volta.

    Poi, come dice Mauro, il “nostro” è, anche per me, uno dei migliori poeti contemporanei e “Umana gloria” uno dei libri più belli e importanti degli ultimi anni.

    Vi ringrazio tutti per i commenti e l’apprezzamento di questi testi, spero anche della validissima e fedele traduzione del giovane e bravo José Grisales.

    fm

  8. Belle belle belle. Tra l’altro è come se i versi avessero già dentro la sonorità ispanica, come una predestinazione.
    Di tanto in tanto passo a leggerlo, mi piace la sua discrezione.

    grazie
    lisa

  9. c’è un altro Mario Benedetti latinoamericano? Scherzo, ovviamente.
    Adoro la poesia di Mario Benedetti e questo e Pitture nere su carta sono libri bellissimi, però Umana gloria credo sia insuperabile.
    Ciao Francesco
    liliana

  10. per Giorgio (da Ischia):
    una mia alunna (io vivo a Madrid) tempo fa mi disse, ho letto delle poesie di Mario Benedetti (lei intendeva l’ispanico!) tradotte (sic!) in italiano che non aveva mai letto in spagnolo (e ci credo), e aggiungeva che le erano piaciute molto!! come a noi del resto…
    /adesso la confusione sarà maggiore!/
    complimenti alla traduzione e al traduttore, claro.

    un abbraccio

  11. Ringrazio Liliana e Alessandro.

    Se non ricordo male, Mario Benedetti dovrebbe essere la prossima settimana a Schio, ospite di una delle più belle rassegne di poesia che si svolgono in Italia.

    Seguirà l’incontro con un’altra grande ospite di Rebstein, Cristina Annino.

    fm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.