Archivi tag: samuele editore

Venti

venti

Nguyen Chi Trung

Nell’autunno del 1992, in una notte di temporale e circondato dal ruggito del vento, il poeta si rinchiude in un brivido e si domanda come il suono della morte viva nel vento. L’immaginazione galoppa e Nguyen Chi Trung rovista viscere e mente; i luoghi dove la concretezza dei suoi studi matematici si contrappone all’astrattezza di quelli filosofici. Trova echi della più antica filosofia indiana (Brāhmaṇa), in cui “il soffio e il vento” sono il cardine della vita. Ma soprattutto il rimbombo della teoria astrofisica del Big Bang. A tratti nel cielo convulso scorge un movimento di astri. Movimento che sposta l’aria e con essa il destino della materia, nell’universo che è “un gas caldissimo di particelle elementari in rapida espansione.” Continua a leggere Venti

Histoire d’O

histoire d

Alessandro Canzian

Di recente un caro amico mi diceva che di alcune cose, in poesia, non si dovrebbe mai scrivere: di amore, ad esempio, o delle farfalle, perché la banalità è non dietro l’angolo ma davanti, ci aspetta, diventa inevitabile. Alessandro Canzian, in questi testi tratti da un lavoro più ampio, affronta entrambi i rischi: scrive di farfalle e soprattutto di amore (e di disamore), ma lo fa con un tocco immediato eppure personale, evitando i luoghi comuni e suggerendo la profondità del sentimento di pienezza e di mancanza. Quella Grafenwalder della prima poesia (per chi non lo sapesse è la birra low-cost di una nota catena di discount) già annuncia che il tutto sarà giocato senza trucchi, terreno e diretto: se c’è poesia è nell’essenza delle cose e non nel loro vestito, l’amore non viene idealizzato quanto smontato pezzo per pezzo, come un giocattolo che quando non funziona più cerchi di aggiustare o almeno comprendere, per capire poi che non sarai capace di rimetterlo insieme. Continua a leggere Histoire d’O

Le quasi case

guido.cupani

Guido Cupani

Già a partire dalla raccolta di esordio, Le Felicità (Samuele Editore, 2008, una recensione qui), la poesia di Guido Cupani si è rivelata come una delle più interessanti e personali del panorama dei nuovi autori. Di quel lavoro colpivano diversi aspetti: la padronanza dei mezzi espressivi, la misura di una scrittura che mirava molto di più alla sostanza che all’apparenza, ed un approccio che potremmo definire quasi “scientifico al contrario”. Infatti il giovane pordenonese – ricercatore in astrofisica – partiva spesso da una osservazione di tipo razionale, per poi trovare, nelle pieghe del reale, la spaccatura, la crepa dove germogliano i sentimenti, dalla gioia al dolore allo stupore.
Da allora la ricerca di Cupani ha compiuto, anche se il tempo trascorso è relativamente breve, notevoli passi in avanti. Come è evidente nei testi inediti che sono proposti in seguito, l’autore sembra avere abbandonato ogni appiglio derivante dal tentare di incanalare il vissuto in formule note, per quanto esse possano venire in seguito scardinate. Continua a leggere Le quasi case